Tempo fa abbiamo parlato della possibilità di introdurre il prezzo dinamico anche nei supermercati al fine di incentivare le vendite e ridurre gli sprechi.

Ora è possibile utilizzare anche la tecnologia di dynamic pricing di Dynamitick anche all’interno degli store fisici. Offrire un prodotto al giusto prezzo in ogni momento anche sugli scaffali tendendo conto del variare di fattori come la disponibilità in magazzino, i margini, il giorno e l’ora, il meteo, i prezzi dei competitor e gli eventi in programma potrebbe essere la soluzione per rendere più competitivi i negozi brick-and-mortar rispetto agli e-commerce.

Combinando le Electronic Shelf Labels (ESL), il nostro sofisticato motore di determinazione dinamica dei prezzi e l’architettura elettronica dello store, i rivenditori possono utilizzare la potenza dell’Internet of Things, dei Big Data e dell’Intelligenza Artificiale per ottimizzare le performance di vendita.

I pricing manager possono inoltre utilizzare le tecnologie di data analysis e data enrichment di Dynamitick a supporto delle scelte strategiche di pricing.

Utilizzare il dynamic pricing anche all’interno dei negozi fisici porterebbe i rivenditori a:

  • Incrementare il fatturato grazie ad una maggior efficacia nella gestione del pricing;
  • Migliorare l’efficienza nella gestione logistica del punto vendita;
  • Ampliare il numero di variabili analizzate per definire il prezzo.

In questo video, realizzato in occasione del Forum Retail di Milano, il CEO di Dynamitick Federico Quarato riassume l’opportunità di in-store dynamic pricing.

 

Per maggiori informazioni e per fissare un incontro con il nostro team completate il form qui sotto:

 





Ho letto e accetto le condizioni contenute nella pagina Privacy Policy