La stagione dei parchi acquatici e di divertimento è entrata nel vivo e il biglietto dinamico di Dynamitick si conferma tra i principali trend di questo 2019 con Dynamitick che consolida la sua posizione di leader nella fornitura di servizi di dynamic pricing anche in questo settore.

Il primo parco acquatico in Italia ad utilizzare gli algoritmi di Dynamitick per stabilire il prezzo dell’ingresso è stato Acquasplash Franciacorta nell’estate del 2017, mentre Zoomarine si è fatto capofila tra le grandi strutture lo scorso anno, chiudendo la stagione con un incremento di presenze attorno al 15% e con il +105% nelle vendite online, imponendosi come primo parco di edutainment del Centro Sud Italia.

A partire da questa stagione altre strutture d’eccellenza come l’Acquario di Genova, l’Acquario di Livorno e Aquafan (Costa Edutainment), il bioparco Zoom di Torino, il Bioparco di Roma e Aquafelix hanno deciso di affidarsi al Dynamic Pricing.

In totale dunque nel 2019 saranno più di 1 milione e mezzo i biglietti venduti nei parchi italiani con la dicitura “Biglietto dinamico”.

“La discriminazione dei prezzi con il supporto dell’intelligenza artificiale per un parco è fondamentale per prevedere i flussi di domanda e adattare il proprio prezzo alla reale domanda del mercato, anche nei casi in cui sia influenzata da fattori che non sono sotto la gestione del parco come il meteo – dichiara Federico Quarato, CEO di Dynamitick – L’industria del divertimento è in continua crescita grazie anche al corretto uso delle nuove tecnologie. Siamo orgogliosi di essere al fianco di così tanti parchi nel nostro paese”.

Si tratta di un fenomeno che non è passato inosservato a Parksmania, il portale di riferimento per il mondo dei parchi in Italia, che ha parlato del prezzo dinamico in questo articolo.