Champions League, ecco come cambia il prezzo dei biglietti in Europa

By  27 Settembre 2016 No Comments

Se l’affluenza negli stadi italiani non cresce, quello che non sembra fermarsi è il caro biglietti. Secondo i dati raccolti dalla società inglese Spreadex e pubblicati questa mattina dalla stampa europea, per quanto riguarda la Champions League appena iniziata, l’Italia risulta essere il Paese più caro a livello europeo davanti a Spagna, Turchia, Scozia e Belgio.

Secondo l’analisi di Spreadex per vedere una partita della Juventus in Champions league il prezzo base offerto ai tifosi è 39 sterline (45 euro al cambio odierno), il picco più alto in Europa, in uno stadio “gioiello” con una tifoseria soddisfatta dagli straordinari risultati del club nelle ultime 5 stagioni.

Tra le squadre più care figura anche il Napoli che, secondo il report della società di scommesse inglese, offre un ticket base 34 sterline (39.22 euro al cambio odierno).

Il Barcellona si piazza dietro la Juventus al secondo posto (38 sterline), davanti all’Arsenal (37), al Leicester (35) e al Siviglia (34). Tra le big, lo stadio che costa meno è il Parco dei Principi, con il PSG che offre un prezzo base di 24 sterline. Poco lontani l’Etihad Stadium di Manchester e l’Allianz Arena di Monaco, con tagliandi “entry level” rispettivamente da 25 e 26 sterline.

I paesi più economici risultano essere invece Ucraina, Bulgaria, Russia, Portogallo e Polonia.

I biglietti più economici sono quelli del Dynamo Lobanovs’kyj di Kiev dove bastano appena 4 sterline, (circa 4,60 euro) per assistere ad un match della Dinamo.

Ma anche in luoghi dove il costo della vita è più simile a quello del nostro Paese, come il Portogallo, esistono realtà che offrono biglietti molto convenienti. Come quella del Porto, che offre biglietti anche a 10 sterline per le partite di Champions: circa 11 euro e mezzo.

Di seguito il report completo diffuso da Spreadex.

tabella-tickets-spreadex